Le sirtuine, proteine “fonte della giovinezza” e Sirt500

Una classe di proteine, le sirtuine, strettamente legate ai meccanismi di invecchiamento dell’organismo umano inserite in un prodotto innovativo, che ha ricevuto un riconoscimento a livello internazionale e un brevetto mondiale. Questo è Sirt500, integratore alimentare di recente sbarcato sul mercato italiano attraverso il sito www.sirt500.it, che ha già collezionato opinioni e recensioni molto positive. Quello che molti potrebbe rappresentare un sogno che diventa realtà, infatti, è adesso un’evidenza scientifica con risultati tangibili: la possibilità di prolungare la vita e soprattutto una sopravvivenza sana grazie al rallentamento dell’invecchiamento dell’organismo umano. Sirt500 Plus è disponibile per essere ordinato online, ed è già stato testato da numerose persone che evidenziano un benessere complessivo evidente, maggiore energia e forma fisica.

Gli studi scientifici sulle sirtuine sono iniziati all’alba del nuovo millennio, nel 1991 con Leonard Guarente del MIT (Massachusetts Institute of Technology, uno dei più importanti istituti di ricerca nel mondo) e tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 con le ricerche di David Sinclair, biologo australiano esperto di genetica. Sinclair decise di approfondire i suoi studi su nuove molecole con possibile effetto anti-invecchiamento e sui meccanismi legati alla longevità. Per questo motivo, lo studioso australiano si è concentrato sull’approfondimento delle ricerche sulle sirtuine, classe di proteine responsabili di una serie di processi biologici sia negli esseri umani che negli animali. Gli attivatori delle sirtuine – contenuti nell’integratore alimentare Sirt500 – hanno effetti evidenti sull’aumento della longevità: queste le conclusioni di Sinclair. In questo modo lo studio del biologo australiano ha aperto la strada a una serie di approfondimenti e di ricerche sulle sirtuine negli esseri umani e fino al brevetto depositato dalla società svizzera SIRT500 Sagl.

Tra le componenti naturali contenute nell’integratore alimentare Sirt500, ci sono il pterostilbene, la polidatina e l’onochiolo. Questi tre elementi naturali, estratti dalle piante, hanno una serie di proprietà molto evidenti, e studi scientifici e continui approfondimenti hanno dimostrato che incidono sullo svilupparsi una serie di patologie. Una delle proprietà più studiate, nel 2020, è quella anti-virale. Questi tre elementi, infatti, hanno un’azione sui virus, in particolare: il pterostilbene lega la proteina S del SARS-CoV riducendone potenzialmente la virulenza, la polidatina interagisce con l’infezione causata dal SARS-CoV e l’onochiolo inibisce la replicazione del virus. E ancora questi tre elementi riescono a rallentare la diffusione del diabete, riducendo il valore della glicemia, a digiuno ma non solo, e portando a una diminuzione dell’insulinemia e dell’emoglobina glicosilata, aumentando la tolleranza al glucosio. Questi elementi completamente naturali – estratti dalle piante – contrastano, inoltre, l’obesità, riducendo il tessuto adiposo e l’accumulo di lipidi, famosi quindi come rimedi naturali contro l’obesità. Il pterostilbene, la polidatina e l’onochiolo, infine, incidono sulla dislipidemia, patologia molto diffusa che porta a valori anomali dei lipidi, in particolare ad un aumento del colesterolo plasmatico e dei trigliceridi o ad un basso livello di colesterolo HDL. Nello specifico il pterostilbene aiuta a ridurre i valori del colesterolo totale e dei trigliceridi e aumenta il colesterolo HDL. La polidatina incrementa il recettore per le LDL riducendone i livelli, e l’onochiolo riduce i valori di LDL, colesterolo e trigliceridi. Questi tre elementi, infine, hanno effetti evidenti, dimostrati scientificamente, sull’ischemia cardiaca, e il morbo di Alzheimer. In quest’ultimo caso, infatti, possono influire positivamente su un aumento delle funzioni cognitive e una riduzione del deficit cognitivo.